Caso del mese - marzo 2021

Capra Lea con un malessere generale

Lea ha circa 2.5 anni e sembra stanca. Soffre di 40.6°C di febbre.

Dopo aver svezzato il suo capretto si continua a mungerla. Oggi ha dato più latte del solito. La mammella è normale e si è potuto mungere normalmente. Non ci sono sintomi di dolore. Ci sono però dei pezzettini nel latte.

La sua condizione generale è ridotta. Sembra essere stanca e non è voluta uscire dalla stalla quel giorno. Non ha nessuna secrezione dal naso e non tossisce neanche. Respira un po’ più velocemente. Le sue feci sono normali, scodinzola più frequentemente. L’appetito è un po’ ridotto. Non soffre di flatulenza. È da sempre una capra piuttosto magra.

La sua superficie corporea è calda e umida. Alza un po’ il pelo.

Normalmente Lea è una capra molto confidenziale, affezionata e vivace. Ora però lascia pendere le orecchie e rimane sdraiata.

La consulente consiglia il rimedio Belladonna.

 

Feedback dopo un paio di ore:

Lea sta un po’ meglio, la febbre è calata a 40.0°C. È molto golosa e sembra briosa. È stata munta un’altra volta e ne sono usciti solo pochissimi pezzettini.

Si fa passare la notte per rigiudicare la situazione la mattina seguente.

Ulteriore feedback la mattina seguente:

Oggi, con 39.3°C, Lea non ha più la febbre. Ma da una mammella non è uscito quasi nessun latte questa mattina. Altrimenti non si sono mostrati nuovi sintomi. Lea è vivace e mangia bene.

Il rimedio sta ancora facendo effetto, continuare ad aspettare.

 

Ulteriore feedback il giorno seguente:

La capra Lea sta di nuovo bene. La sua temperatura corporea è di 39.1°C. Esce di nuovo del latte da ambedue le mammelle. Comunque da una delle mammelle ancora una quantità un po’ ridotta.

 

Osservazioni sul caso

Esistono dei casi dove un unico rimedio basta per curare l’animale del tutto. Questo caso dimostra dei bei sintomi del rimedio Belladonna. La febbre alta, la superficie corporea calda ed umida e la condizione generale ridotta. Con l’aiuto di questi sintomi chiari possono essere esclusi altri rimedi acuti. In casi del genere il rimedio agisce velocemente. Se dopo un paio di ore non si fosse verificata un miglioramento il rimedio avrebbe dovuto essere cambiato. Un netto miglioramento della condizione generale di Lea è stato notato. Già un paio di ore dopo la somministrazione del rimedio è stata golosa e vivace pur avendo ancora la febbre. Questo ci dimostra che la guarigione è iniziata e che il rimedio non deve essere cambiato rispettivamente che si può aspettare e lasciar agire il rimedio.


 
 
 

Previsione - aprile 2021

Vacca da latte Gianna che soffre di una mastite



Archivio: